fbpx

I migliori fritti della capitale

Il fritto è un must in tutto il mondo e la capitale da questo punto di vista certo non scherza. Unisce la tradizione romana a molte specialità regionale. Negli ultimi anni ha guadagnato il suo spazio anche la cucina internazionale a sfornare golosisssimi piatti fritti. Ma cos’è la frittura? Secondo i normali vocabolari si intende “il cuocere gli alimenti in lipidi, cioè grassi animali oppure oli vegetali, caldi. I lipidi usati possono essere, a temperatura ambiente, solidi o liquidi”. Chiaramente per chi ha assaggiato cibi ben fritti sa che si tratta di molto di più. Un modo di cucinare gli alimenti delizioso e antico. La frittura è un metodo diffuso in tutto il mondo e usato già nel 2500 a.C. in Egitto. In tale paese, spiega correttamente Wikipedia, si usava olio vegetale generico. Già nell’antica Roma si friggevano i cibi, dolci o salati che fossero, solitamente nell’olio di oliva. Le frictilia, una ricetta del periodo, sono le probabili antenate delle attuali chiacchiere o bugie di carnevale. La maggior parte della popolazione consumava il pasto del mezzogiorno e diversi spuntini per strada, acquistando dalle varie bancarelle o da locali semi aperti vicini alla strada. Questi negozi, le cauponae e le tabernae, vendevano diversi cibi fritti, quali frittate, frittelle, salsicciotti. Esistevano inoltre le vere e proprie botteghe di friggitori, citati anche dal poeta Marziale. Il fritto nell’antica Roma era prevalentemente in olio di oliva o strutto. Invece nel Medioevo e fino a tempi recenti ha prevalso quest’ultimo. Nel Nord Italia ha prevalso il burro per la ricchezza in allevamenti bovini.

Anche questa volta non possiamo non darvi qualche consiglio e abbiamo voluto rilanciare una lista di location culinarie dove apprezzare i migliori fritti della capitale. Questa volta l’elenco è firmato Puntarellarossa:

Montanara pollo e peperoni – Sbanco:  Cominciamo con Sbanco, la pizzeria in zona San Giovanni che ha alle spalle la coppia Marco Pucciotti & Stefano Callegari. Qui le pizze creative e soprattutto i fritti di ogni genere non mancano, come la montanara pollo e peperoni. L’impasto è lievitato 36 ore e al suo interno troviamo un condimento che è uno dei capisaldi della cucina capitolina: pollo e peperoni appunto, con un po’ di sugo di pomodoro ad unire il tutto e dare dolcezza.

Frymezzino – Seu Pizza Illuminati: I fritti sono da sempre un cavallo di battaglia di Pier Daniele Seu, patron dell’omonima Seu Pizza Illuminati. La rivisitazione della tiella di Gaeta, street food d’eccezione nel litorale pontino, è l’ispirazione per il Frymezzino alla Gateana. Detto anche Tiellazzino, altro non è che un tramezzino fritto e farcito con scarola ripassata, alici, pinoli, olive, fior di latte e salsa alle alici.

Sfera di pulled pork – Osteria Birra del Borgo: Il maiale sfilacciato è quella cosa che rende sfiziosa ogni ricetta lo contenga. Se poi è fritto, siamo a cavallo. L’idea di friggere il pulled pork e realizzarci una sfera è venuta a Luca Pezzetta diOsteria Birra del Borgo, il locale di Prati dove gustare fritti, pizza, burger e cucina da accompagnare alla selezione di birre. La sfera di pulled pork è ottenuta da una spalla di maiale marinata nella birra per circa 24 ore, viene poi cotta a bassa temperatura per circa 6 ore con senape, paprika, finocchietto, birra, sale, zucchero e pepe. A fine cottura vienesfilacciata e mantecata con il liquido di cottura, poi impallinata e panata con doppia panatura di panko e corn flakes. È servita accompagnata dalle birre Lisa oppure dalla Reale Extra.

Supplì senza panatura – Pizzeria Ai Marmi: Ci sono supplì e supplì. E la storica pizzeria Ai Marmi di Trasteverelo sa bene. Conosciuta anche come “L’Obitorio”, qui non si sfornano supplì come tutti gli altri. I lorosupplì al telefono sono senza panatura, insomma delle vere e proprie palle di riso fritte. Niente carne all’interno, solochicchi di riso dorati e cuore filante di mozzarella. Fino alle 23, si possono ordinare per il delivery attraverso la piattaforma Glovo.

Sanpietrino mezze maniche e coda alla vaccinara – 180 g Pizzeria Romana: Non c’è dubbio che l’evoluzione della friggitoria romana passi da 180g Pizzeria Romana. Jacopo Mercuro e i suoi ragazzi hanno lavorato alla creazione di un fritto che avesse unaprecisa identità e riconoscibilità, a partire dal formato, dal nome e dal gusto. Così nascono i Sampietrini, cubotti di circa 70gr che si ispirano ai piatti tradizionali della cucina romana. Un must è il sampietrino di mezze maniche alla coda alla vaccinara e panatura con pane al cacao. Il punto di partenza è la ricetta originale della coda che prevede l’uso del cacao, inserito come ingrediente nella panatura esterna. Ad essere precisi, la frittura esterna è un blend della panatura classica, croccante e a grana grossa, e di un pane al cioccolato rigorosamente made by 180g. Il tutto si sublima in uscita con una spolverata di pecorino romano grattugiato.

Tortellini fritti Lino – Trapizzino: Nella rassegna dei fritti più insoliti non poteva mancare Lino, la serie di tortellini fritti nata dalla collaborazione di Trapizzino e Retropasta. Cos’è Lino? Lino è una assoluta novità nel panorama dei fritti all’italiana, lanciata dalle menti di Stefano Callegari, Paul Pansera e dai ragazzi di Retrobottega dal 31 gennaio 2021. Si tratta del classico tortellino bolognese preparato con uova e farine biologiche, farcito con diversi ripieni e avvolto da una crema di Parmigiano Reggiano. Il tortellino viene poi panato e fritto. Si può gustare in tutti i locali Trapizzino d’Italia, insieme ai triangoli di pizza farciti che conosciamo bene.

Supplì di pasta – Bonci: Gabriele Bonci è uno di quei personaggi che non ha bisogno di presentazioni. Ma se molti lo associano (quasi) esclusivamente alla pizza, in realtà il suo successo è stato decretato anche da altri street food di sua ideazione. Tra questi ci sono sicuramente i supplì di pasta che “stanno alla frittatina napoletana, come il supplì di riso sta all’arancino” secondo Bonci. Il supplì è uno scrigno che potenzialmente può celare qualsiasi tesoro, e in questo caso il contenuto è un ripieno di pasta di diversi formati. Talvolta c’è anche lo zampino di grandi chef, come l’ultimo uscito dai fornelli di Sarah Cicolini, il fritto agli ziti alla genovese.

I bao fritti – Roots: Per offrire un’alternativa divertente al delivery dei classici pizza e sushi, Roots Ristorante ha lanciato da qualche mese il progetto “Bao by Roots”. I morbidi panini al vapore che caratterizzano il menu si alternano a due tipologie di bao fritti, proposti nelle versioni carbonara e cacio e pepe. I bao fritti non hanno bisogno di vaporiera e hanno una forma meno classica rispetto agli altri bao presenti in menù. Si tratta di vere e proprie “bombette” fritte e farcite, cremose all’interno e croccanti all’esterno. L’impasto è con acqua, lievito, farina e sale. Una volta dorati, i bao vengono riempiti con salsa carbonara o cacio e pepe, rispettivamente accompagnati da guanciale croccante o pecorino e pepe.

Trippa fritta – Legs: Avete voglia di un aperitivo originale? Da Legs insieme al drink si stuzzica la trippa fritta. La trippa è in realtà un tributo a Mazzo, il ristorante a Centocelle con il quale Francesca Barreca e Marco Baccanelli (in arte The Fooders) sono partiti. La ricetta di friggere la trippa, nata appunto da Mazzo nel 2013, è di ispirazione ligure, ma ha subito conquistato Francesca e Marco, abituati a friggere spesso frattaglie seguendo metodi non classici.

Ravioli fritti di ricotta e cioccolato – Fry Hard: Iniziamo a preparare il palato per i fritti che potremo gustare da Fry Hard. Le sedi? Tre per il momento: Termini, Cinecittà e San Giovanni. Le intenzioni di Fry Hard parlano chiaro già dal nome: friggere tutto e friggere come si deve. Per questo troviamo addirittura un dessert fritto, i ravioli ripieni di ricotta di pecora e cioccolato. Un dolce “da passeggio” che vede protagonista la pasta fresca di Mauro Secondi, rigorosamente fritta, farcita e infine servita con crema al mascarpone homemade per “pucciare”, in piena filosofia street food.

 

Condividi questo articolo
Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi