fbpx

Se non vi è una specifica si tratta di gallina altrimenti solitamente ha bisogno della descrizione: oca, quaglia, anatra,  struzzo eccetera. E’ caratterizzato, come tutti sanno, da tre elementi: guscio, tuorlo e albume altresì detto chiara d’uovo o bianco d’uovo.  Le uova di gallina sono le più comunemente consumate, quelle di  quaglia trovano impiego soprattutto in pasticceria. Le uova in genere sono altamente nutrienti. Forniscono una grande quantità di proteine complete di alta qualità, che contengono tutti gli amminoacidi essenziali per gli esseri umani, e forniscono quantità significative di parecchie vitamine e minerali. Sono inoltre uno degli alimenti singoli meno costosi contenenti proteine complete.

 

ATTENTI AL CODICE:  quando si acquistano le uova, gli esperti consigliano di fare attenzione al codice in evidenza sul guscio: La serie di numeri impressi sull’uovo è la sua carta di identità e comunica  l’origine e tutta la storia dell’uovo:

La prima cifra indica la tipologia di allevamento:

  • “0”: indica allevamento di tipo biologico, che utilizza mangimi e foraggi provenienti da agricoltura biologica, in questo caso gli animali  hanno libertà di movimento all’aperto
  • “1”: indica allevamento all’aperto.
  • “2”: indica allevamento a terra. Gli animali si muovono liberamente in un ambiente chiuso
  • “3”: indica allevamento a batteria, o in gabbia. Qui non si ha alcuna libertà di movimento

La seconda combinazione del codice riporta due lettere che indicano il Paese d’origine delle uova. “IT”, ad esempio, corrisponde all’Italia. La terza parte corrisponde al codice Istat del comune dove si trova l’allevamento, seguito dalla sigla della provincia.

L’ultima serie di cifre è il numero identificativo dell’allevamento da cui provengono le uova: è un codice univoco che permette di risalire subito all’azienda agricola di allevamento delle galline.

 

Le uova non vanno conservate in frigo ma uno volta iniziata la refrigerazione si conservano sempre alla stessa temperatura lasciandole in frigo fino alla loro consumazione.  Inoltre in questi casi torna utile un vecchio trucco delle nostre nonne. Sapete riconoscere quando un uomo è ancora fresco? Basta immergerlo in una ciotola o in una pentola piena di acqua. Se l’uovo viene a galla allora non è fresco.

 

 

RICETTA FACILE: UOVO AL TARTUFO 

INGREDIENTI:

  • uova 
  • tartufo 
  • olio extra vergine
  • sale
  • pepe

 

PREPARAZIONE:

  • Mettere l’olio in padella e farlo scaldare
  • Rompere l’uovo nella padella, aggiungere sale e pepe
  • Quando l’uovo è pronto condire con il tartufo a scaglie

 

 

Condividi questo articolo

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi