fbpx

Con un balzo record del 17,2 per cento sono le uova le regine della spesa Italiana.  E’ il prezioso frutto delle galline, infatti, a far registrare la maggiore crescita degli acquisti e ad aggiudicarsi il titolo di star del carrello alimentare nel 2018. Il dato, curioso ed allo stesso tempo interessante,  emerge da una anali della Coldiretti sulla base dei dati Ismea relativi ai primi nove mesi dell’anno. Sul podio,  evidenzia la Coldiretti, salgono seppur a distanza, anche gli agrumi, più 8,3%, e lo spumante più 7,8% che è diventato un prodotto di consumo quotidiano non più ristretto al festeggiamento delle ricorrenze. Anche se per quanto riguarda il vino arricchito di bollicine bisogna aggiungere la spinta dovuta all’export.  Le uova, sono tra quegli alimenti che risponderebbero meglio alle esigenze della vita moderna.  Sono senza dubbio sane, equilibrate e taglia grassi adatte al controllo del peso delle persone. Un uovo medio contiene solo 78 kcal, ma il suo contenuto proteico elevato è pari a 6,5 grammi, ovvero il 13% del fabbisogno giornaliero di un adulto.  “Con l’aumento della domanda diventa sempre più importante, scrive la Coldiretti – garantire la trasparenza del Made in Italy del prodotto e per il 2019 le risoluzioni approvate dalla Commissione Agricoltura della Camera prevedono la timbratura di origine obbligatoria in allevamento. Ad oggi viene applicato sul guscio un codice alfanumerico che contiene le informazioni sulla provenienza dell’uovo e metodi allevamento adottato ma è difficilmente interpretabile dai consumatori e per questo – spiega la Coldiretti – verrà applicata una indicazione più chiara. Una misura importante per consentire di fare scelte di acquisto consapevoli che – sostiene la Coldiretti – deve essere inserita anche all’esterno delle confezioni oltre che estesa agli ovoprodotti utilizzati nella trasformazione industriale. Negli ultimi 30 anni – precisa la Coldiretti – i consumi nazionali di uova sono aumentati raggiungendo la cifra record di 13 miliardi di pezzi all’anno che significa una media di circa 215 uova a testa, quasi interamente Made in Italy, grazie all’offerta di una platea di 40 milioni di galline ovaiole presenti in 14.400 allevamenti italiani secondo elaborazioni Coldiretti su dati Ismea”. Secondo lo studio ismea, circa la metà delle uova proviene dal nord Italia con il 17% dalla Lombardia e il 16% rispettivamente in Emilia Romagna e Veneto, ma si tratta di un prodotto presente su tutto il territorio nazionale e che si può acquistare ovunque: dai negozi ai supermercati fino ai mercati degli agricoltori di Campagna Amica dove si possono trovare quelle ruspanti che arrivano dagli allevamenti locali. Il 2019 è appena iniziato, gli italiani confermeranno quanto fatto nello scorso anno? Cambieranno abitudini culinarie? Per il momento possiamo dire che il 2018 è andato agli archivi nel segno di frittate, pasta fatta in casa, uova fritte e chi più ne ha più ne metta… 

 

Condividi questo articolo

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi