PIZZA FRITTA - CUZZETIELLO

STORIA

La pizza fritta è un prodotto popolare. Nasce, infatti, nei bassi di Napoli, le caratteristiche abitazioni senza finestre con accesso diretto dai vicoli. Si può dire che ’o vascio, cioè il “basso”, sia un tratto comune alle città di mare del Sud dove, grazie al clima mite, la vita trascorre per lo più in strada.

La pratica di cuocere col metodo della frittura un impasto di farina è molto antica, probabilmente più antica della cottura al forno perché più economica. La pizza fritta, infatti, torna in auge a Napoli nel dopoguerra, quando non tutti potevano permettersi un forno ed era difficile procurarsi prodotti diventati ormai rarissimi come il pomodoro o la mozzarella. Alternative povere come la ricotta e i “cicoli” – riccioli di grasso di maiale – e un metodo di cottura più economico, erano allora il solo modo per tirare avanti. È celebre una scena de “L’oro di Napoli” dove il protagonista, un venditore di pizza fritta, è all’affannosa ricerca di un anello che la moglie infedele, una splendida Sophia Loren, asserisce di aver perso nell’impasto.

 

La pizza fritta oggi

Il fatto che la pizza fritta abbia un’anima così profondamente legata alla natura più intima della Napoli popolare l’ha messa un po’ ai margini. Mentre prodotti come la classica pizza napoletana cotta al forno hanno ormai raggiunto una dimensione internazionale, lo sviluppo urbanistico della città ha fatto sì che i padelloni pieni d’olio fuori i bassi siano ormai quasi del tutto scomparsi. Fortunatamente il grande successo dello “street food” sta riportando alla ribalta questo prodotto straordinario e la pizza fritta napoletana sta vivendo una nuova giovinezza.

I NOSTRI PRODOTTI

L’impasto

L’impasto è lo stesso della pizza “classica” – acqua, sale, farina e lievito – cambia però il metodo di cottura: la pasta lievitata viene foggiata a forma tondeggiante o di mezzaluna, farcita o meno col ripieno e poi fritta in olio bollente. L’impasto della pizza fritta DON, sia nella composizione che nella lavorazione, viene realizzato secondo un’antica ricetta familiare tramandata gelosamente di generazione in generazione e lievita naturalmente dalle 12 alle 24 ore.

La farcitura

Il ripieno classico è fatto di ricotta fresca, cicoli e una spolverata di pepe, tuttavia la fantasia dei napoletani ha dato vita anche a altri gustosissimi abbinamenti: coi “friarielli”, la provola, pomodoro e basilico, scarola e olive, funghi, salsiccia…

Il profumo che si sprigiona da una pizza fritta a regola d’arte è inconfondibile e il gusto assolutamente straordinario.

 

La cottura

La frittura è una delle tecniche di cottura più diffuse nei paesi caldi perché le alte temperature eliminano ogni rischio legato alla conservazione del cibo. Non a caso i fritti fanno parte della tradizione popolare di moltissime cucine del sud Italia, dove questa pratica si è sposata con l’antica abitudine, attestata anche dal poeta romano Marziale, di consumare il pasto di mezzogiorno in strada acquistando il cibo in piccoli locali sempre aperti.

 

CUZZETIELLO

Si scrive cuzzetiello, si pronuncia “Cuzztiell”, si mangia rigorosamente dopo essere stato riempito con ciò che preferite…

Stiamo parlando di uno dei cibi più gustosi e più amati dal popolo partenopeo e non. “O Cuzzetiello” è diventato un vero e proprio rituale culinario, un appuntamento per i più golosi da non perdere. La domenica sulla tavola di molte famiglie napoletane veniva servito con l’intramontabile ragù, la cui cottura partiva dalla sera del sabato e continuava fino al giorno seguente. Oggi il Cuzzetiello non lo troviamo solo nelle case della famiglie tradizionali, portando la tradizione in strada , il cuzzetiello esce dalle solide mura e viene proposto nella variante Street Food.

 

IL NOSTRO MENU’

PIZZE: 

Montanara : Pomodoro San Marzano Dop, parmigiano, basilico, pepe, olio evo

Marekiaro: Alici, mozzarella di bufala campana dop, datterino giallo

Vesuvio: Pomodoro San Marzano Dop, mozzarella di bufala campana dop, basilico, pepe

Donatella: Mortadella

Pulcinella: Ricotta di pecora, cicoli di maiale, Pomodoro San Marzano Dop, basilico, pepe

Bon-Bon : Palline di pizza fritta ricoperte di zucchero e nutella

 

CUZZETIELLI:

Mamà: salsiccia e friarielli

Zia Titina: Polpetta fritta e parmigiana di melanzane

Nonna Rosa: Polpette al sugo e melanzane a funghetto

Caprese: Pomodorini ciliegino e ovoline di bufala

Goloso: Nutella

AZIENDA

Napul’è mille sapori

CONTATTI

Telefono: +39  392 20 40 648